Malte Naturali D'Autore per Formulazione

Le possibili ed infinite tipologie strutturali delle murature, molto spesso caratterizzate da materiali conformi alla morfologia dei luoghi d’appartenenza, possono essere trattate attraverso l’identificazione degli elementi principali, che costituiscono i muri portanti, come i conci e le malte. Questi, componendosi, definiscono la qualità statica dei Manufatti.



E’ importante rilevare che per le murature storiche i conci di roccia, siano essi d’origine ignea o sedimentaria e le malte, insieme componendosi, definiscono le parti essenziali e strutturali dell’edificio.



Trattando di malte, quindi, il luogo ed il tempo opportuno prima di tutto è quello che appartiene alla fase investigativa che servirà a definire quella progettuale.



Tale fase, nel rispetto delle preesistenze, deve essere curata con scrupoloso intendimento, perché, la composizione mineralogica dei composti, il rapporto in volume definito dagli aggregati sul legante, le conseguenti caratteristiche meccaniche finali delle miscele, attraverso una sapiente posa, diano risultati soddisfacenti e durevoli.



In merito al rapporto in volume tra aggregati e legante occorre ricordare l’importanza di quantità decrescenti di quest’ultimo. Le miscele che compongono il rinzaffo, la rincocciatura, il traversato e la finitura, devono avere resistenze di compressione, flessione e modulo elastico, decrescenti secondo dati definibili anche attraverso prove fisiche.



Assoluta rilevanza riveste la conoscenza della tipologia morfologica e strutturale della roccia e della malta d’allettamento, presente, nel manufatto in esame da recuperare e conservare. Le caratteristiche intrinseche, delle murature preesistenti, rappresentano i dati di partenza per definire un mix di malte appropriate da realizzare ed adottare.



Le scelte progettuali delle malte contribuiscono, in maniera sostanziale, sia in termini strutturali, sia in resa cromatica, in particolare quando quest’ultima è ricercata solo attraverso l’uso d’aggregati naturali senza aggiunta d’additivi coloranti.



La malta per finitura non è solamente mera espressione coloristica, ma parte integrante dell’intero pacchetto che compone i diversi strati del corpo murario che devono assorbire e trasudare in modo consequenziale a garanzia di continuità e scambio.




La cromia finale, del manufatto, non è effetto percettivo affidato solo ad una pellicola superficiale ma risultato materico che assume spessore e profondità.


malte naturali. esenti da additivi

Loading...
QUESTO BLOG FINALIZZA INTENTI CULTURALI ED INTELLETTUALI.
I DOCUMENTI INSERITI, SCRITTI INTEGRALMENTE DAL
DOTT. ARCH. GIUSEPPE ANTONIO LONGHITANO
DOPO ANNI DI RICERCA ED ESPERIENZA NEL SETTORE DEL
RECUPERO CONSERVATIVO
(ANCHE SE SCARICABILI SENZA PREVENTIVA AUTORIZZAZIONE)
RESTANO DI ESCLUSIVA PROPRIETA' DELLA SCRIVENTE.
I DOCUMENTI PRESENTI POSSONO ESSERE
USATI DA TERZI SOLO PER USO INFORMATIVO,
L''UTILIZZO DEI CONTENUITI E DELLO STESSO BLOG
PER USO SPECULATIVO SARA' PERSEGUIBILE DA
RICHIESTA DI RISARCIMENTO
SECONDO QUANTO DISPOTO DALLE LEGGI VIGENTI.

DOTT.ARCH. GIUSEPPE ANTONIO LONGHITANO archgalonghitano@gmail.com
cell. 3401663703

Informazioni personali

La mia foto
"CONSULENZA e PROGETTAZIONE SPECIALISTICA SULLA FORMULAZIONE ED APPLICAZIONE DI MALTE NATURALI BASE COCCIOPESTO, CALCE AEREA E CALCE IDRAULICA NATURALE". A: tutti coloro che credono nella possibilità di impiegare "MALTE NATURALI SOSTENIBILI" e sono convinti che il Patrimonio Storico-Culturale sia bene di tutti e che tutti possono sentirsi parte in causa attiva per la salvaguardia ed il benessere del NOSTRO TERRITORIO e dei NOSTRI CENTRI STORICI, intesi come rapporto biunivoco tra "morfologia territoriale e morfologia urbana". dott. arch. giuseppe antonio longhitano

lunedì 9 gennaio 2017

Pagina interattiva " Malte Naturali Cocciopesto DelTiepolo"


"CLICCA sulla pagina interattiva"

Pagina Interattiva " Malte Naturali Cocciopesto DelTiepolo"


Malte Naturali d'Autore per Formulazione.
METODOLOGIA. PROGETTAZIONE MALTE NATURALI

- Prima fase, investigativa ...
1 identificazione oggetto dell'intervento
2 verifica stratigrafica per identificazione della matrice di progetto.
3 analisi sulle cause di degrado
4 scelta del campione o dei campioni tipo da riprodurre .



- Seconda fase, studi sul campione
1 verifica qualitativa:
massa volumica apparente, assortimento degli aggregati, curva granulometrica, rilievo percentuale degli aggregati, rilievo cromatico dei singoli composti, grado di ossidazione dei singoli aggregati e riscontro cromatico complessivo prima e dopo ossidazione.

- Terza fase
1 Analisi di laboratori caratterizzazione mineralogica dei composti: aggregati e leganti.

- Quarta fase METODO BREVETTATO
1 Scelte progettuali del nuovo formulato:
aggregati, legante;
2 Composizione delle miscele di progetto.

- Quinta fase
1 Campionature in cantiere
2 Scelta definitiva della Campionatura

- FASE CONCLUSIVA
1 METODOLOGIA DI POSA ATTRAVERSO DEFINIZIONE DI TECNICA FINALIZZATA PER CASO. COORDINAMENTO CON POSATORI
2 ASSISTENZA TECNICA IN FASE DI POSA
3 VERIFICA CONCLUSIVA DOPO LA POSA
4 DICHIARAZIONI E CERTIFICAZIONI

"Malte Naturali D'Autore by DelTiepolo"
Dott. Tecnologo Arch. Giuseppe Antonio Longhitano

venerdì 18 marzo 2016

RESTAURO CONSERVATIVO. FORMAZIONE GRUPPO DI LAVORO SCIENTIFICO


maltenaturalitiepolo@libero.it
in parallelo alla presentazione di "opera brevettuale" che finalizza un metodo artigianale e scientifico che definisce la progettazione di mix di malte naturali e tecnica esecutiva, è in corso di formazione un gruppo di lavoro tecnico-scientifico per la salvaguardia dei manufatti storici attraverso l'utilizzo di malte naturali d'autore.

martedì 29 settembre 2015

RESTAURO CONSERVATIVO PER LA SALVAGUARDIA DEI MANUFATTI STORICI. Verso n...



Restauro Conservativo.
La possibilità ricercata in questo evento, fa crescere forte l’esigenza di sottolineare prima di tutto che oggi ho il privilegio di invitarvi a condividere il forte interesse che ci unisce nella salvaguardia dell’Opere D’Arte.
Ogni singolo individuo, identificabile come colui che ha diritto di vivere l’opera come linfa della vita stessa, ha il privilegio e l’obbligo di tutelarla, coesi affinchè il concetto di sostenibilità, nella sua più intrinseca concettualità, possa perpetrarsi.
I più ravveduti hanno l’obbligo, ognuno per le sue competenze, di coalizzarsi e sensibilizzare coloro che non hanno ancora compreso che l’Opera d’Arte è un bene di tutti e deve essere conservata come ogni singola cosa definibile preziosa per l’umanità intera.